Leggere per educare

Notizie|

Francesca Campora

Grazie alla legge numero 92 del 20 agosto 2019, a partire da settembre 2020 l’Educazione Civica è finalmente rientrata a pieno diritto, nei percorsi formativi delle nostre scuole.

Dopo decenni di lacune, intermittenze e trascuratezze, l’articolo 1 del decreto legislativo, sintetizza ed esplicita in modo inequivocabile i principi ispiratori:

“1.   L’educazione   civica   contribuisce   a   formare   cittadini responsabili e attivi e a promuovere la partecipazione piena e consapevole alla vita civica, culturale e sociale delle comunita’, nel rispetto delle regole, dei diritti e dei doveri.  2. L’educazione civica sviluppa nelle istituzioni scolastiche la conoscenza della   Costituzione   italiana   e   delle   istituzioni dell’Unione europea per sostanziare, in particolare, la condivisione e la promozione dei principi di legalita’, cittadinanza attiva e digitale, sostenibilita’ ambientale e diritto alla salute e al benessere della persona.”

Alle soglie di uno dei momenti più complessi del nostro tempo, quasi accompagnata da un istinto premonitore, l’Educazione Civica torna come premessa e condizione imprescindibile di ogni altro insegnamento: prima di ogni transizione ecologia o di qualsiasi piano di rilancio e, proprio per renderne possibili e disegni e realizzazioni, abbiamo bisogno di un rinnovato umanesimo. Nulla di rivoluzionario in realtà, piuttosto un pacato ma convinto ritorno ai fondamentali. Nessun nostalgico passo indietro, piuttosto il più robusto e luminoso ponte verso il nostro futuro.

L’indispensabile e delicato equilibrio tra dinamiche economiche, patrimonio ambientale ed evoluzioni sociali, ha bisogno sia di semplici pratiche quotidiane che di lungimiranti e ampie visioni sistemiche; abbiamo bisogno, allo stesso modo, di cittadini scrupolosi e creativi e di innovatori curiosi e rispettosi. In entrambi i casi, abbiamo bisogno di presenze umane dialoganti ed empatiche.

Educazione Civica quindi, per nutrire il senso e lo scopo della nostra presenza e sostenere tutto il percorso di crescita dei nostri giovani, a partire dai più piccoli, gli studenti della scuola primaria.

Per chi si occupa di formazione si aprono, oggi più che mai, entusiasmanti spazi di progettazione e sperimentazione: la sfida è quella avvicinare e ricongiungere quello che solo apparentemente sembra distante e separato – il prima dall’ora e dal dopo; loro da noi; l’orizzontalità dalla verticalità; l’immediatezza dell’immagine dalla concentrazione per il testo; il postare dal dialogare; il selfie dal racconto. Ricongiungere, affiancare e contaminare per posare sul mondo uno sguardo che viene da lontano e da tanti posti ed è per questo il solo capace di una via e non semplicemente di una strada.

Per noi di Fondazione Edoardo Garrone, che da sempre ideiamo e curiamo iniziative per affiancare e arricchire il lavoro quotidiano delle scuole, la reintroduzione dell’Educazione Civica è sembrata da subito un’imperdibile opportunità. La pandemia, con le sue tante e forse ancora imprevedibili conseguenze sociali e il lungo periodo di isolamento e privazione a cui sono stati sottoposti i giovani, ci hanno definitivamente supportato verso una progettualità fatta di esperienze concrete e coinvolgenti, sia a livello individuale che di gruppo.

Abbiamo scelto la letteratura per l’infanzia e l’adolescenza come luogo privilegiato di incontro ed esplorazione di valori e significati; offriamo la scrittura e l’illustrazione per sperimentare e maturare codici e gesti inediti; proponiamo l’autorialità come primo passo per la costruzione di nuovi e diversi mondi e quindi come atto di autentica responsabilità sociale.

Grazie alla collaborazione con la rivista Andersen e al prezioso coinvolgimento di autori come Cristina Bellemo, Mauro Bellei, Daniela Carucci, Giulia Pastorino, Sergio Olivotti, Tim Bruno e Letizia Iannacone, con il nuovo progetto “Tra le righe” entreremo nelle scuole primarie e secondarie di primo grado e lavoreremo accanto a studenti e a docenti per cercare, tra le righe dei libri e oltre, i materiali con cui costruire un futuro a misura d’uomo e di natura.

Alla fine, con in mano nuovi racconti, nuove possibilità e un po’ più di desiderio e curiosità, usciremo tutti assieme dalle classi e, durante il Sarvego Festival, ci ritroveremo in mezzo al bosco, per ricordarci di quel contatto primario e vivificante e per condividere l’importanza e la gioia della nostra partecipazione.

“Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni”

(Francis Scott Fitzgerald)

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e ne accetto termini e condizioni.

Comments are closed.

Close Search Window