Scelgo scuola

Giovane studente che scrive a matita

Notizie|

Francesca Campora

Le parole sono congegni preziosi, troppo spesso sottovalutate, il più delle volte mal utilizzate.

Frammenti sempre vivi di interi mondi, se attentamente esplorate e valorizzate, rivelano la vita che le ha create. Dicono di un tempo e di un luogo, di un gruppo di persone, della loro visione del mondo, del loro progetto condiviso.

Dicono di chi è stato, di chi siamo, di chi vorremmo essere. Nella nostra esperienza si uniscono ad altri luoghi, a nuove storie, a sapori e immagini familiari, trovando nuove vibrazioni e rinnovando il proprio significato.

Quando scegliamo una parola partecipiamo a un mondo, lo scegliamo, lo proponiamo ad altri. Usare le parole non è mai un atto neutro ma è sempre un atto di libertà. Scegliamo mondi di valori e significati in cui abitare.

Alcune parole, come “aria” o “mano” sembrano eterne e necessarie, nate assieme a noi; altre, come “smartphone” o “Internet” entrano a far parte della nostra vita solo a un certo punto e tuttavia ricorrono più volte al giorno di “pane” o “anima”; alcune sono allegre – “coriandolo”; altre meno – “pozzanghera”; alcune melodiche – “mareggiata”; altre sorde – “masso”. Alcune, serie – “presidente”, le trattiamo con rispetto; altre, sempre serie – “guerra” o “fame” – le vorremmo dimenticare.

Alcune diventano a un tratto urgenti, come l’acqua quando si ha sete. Per una persona o per più persone contemporaneamente. A volte per interi popoli, in un certo momento storico. “Libertà”…“Luna”… “Ambiente”…

“Scuola” è la parola che ho pronunciato di più in questi ultimi tre mesi. “Scuola” è la parola che scelgo anche oggi.

Dal dizionario. “Istituzione educativa che ha il compito di trasmettere alle giovani generazioni gli elementi fondamentali di una civiltà, di una cultura o di avviare al possesso di una data disciplina o alla pratica di una determinata professione […].”

Per me. Scuola è dove ho imparato ad imparare e a scegliere, tra tante cose,  quelle più adatte a me; scuola è dove ho trovato buoni insegnanti che sono ancora con me e cattivi insegnanti che mi hanno fatto capire di più quelli buoni; amici, compagni, nemici e quindi ancora più amici. A scuola ho scoperto il ritmo delle giornate e il valore del tempo libero; a scuola sono diventata io, ho incontrato le persone e ho saputo del mondo.

 

Senza scuola, nessun futuro è possibile.

In momenti di grande discontinuità, migliore saprà essere la scuola, migliori potranno essere i futuri possibili.

Scuola è una parola da scegliere sempre.

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e ne accetto termini e condizioni.

Comments are closed.

Close Search Window