Buon Natale a tutti

Notizie|

Francesca Campora

Buon Natale a tutti.

Perché si, ci sono indubbiamente anni funesti, come questi ultimi due, che ci indeboliscono nella gioia e ci privano della spensieratezza o, molto peggio, ci privano dei nostri cari, della salute e del lavoro.

Ci sono sempre, anche in epoche globalmente più tranquille, momenti dolorosi che segnano irrimediabilmente la vita di singole persone o di intere famiglie e comunità.

Fatica, tristezza, delusione, sconfitta e perdita accompagnano da sempre il nostro cammino. Ma non c’è mai solo questo. Anche sotto strati e strati di cenere, resiste il calore del nostro desiderio, quello più semplice e originario, di star bene e di far stare bene gli altri.

Nei racconti dei miei nonni i rifugi antiaerei erano un posto di paura e di buio ma, persino lì, la vita non si interrompeva mai del tutto; piccoli gesti innalzavano roccaforti potentissime a preservare l’idea stessa della nostra umanità. Che questa assenza di luce e questo terrore siano solo momentanei, perderemo qualcosa è certo…ma non il futuro. Il calore del desiderio scendeva anche lui nel rifugio, per sedersi mite ma instancabile accanto alle persone e tenere vivo il presente, alimentando speranza e immaginazione del domani. C’era spazio per scambiarsi il cibo, intrattenere i bambini, giocare a carte, augurare buon compleanno nonostante le bombe. O forse proprio contro le bombe.

Io una guerra non l’ho mai vissuta. Nessuna bomba ha mai fischiato minacce di morte nelle orecchie mie o dei miei famigliari. Non ho dovuto correre fuori di casa sperando poi di ritrovarla intatta. Sono grata a tutti i nostri genitori, nonni e bisnonni per aver retto a quella paura e aver coltivato il desiderio. Altrimenti oggi non saremmo qui, a vivere il privilegio di affrontare le nostre paure, le nostre altre guerre.

Buon Natale quindi, nonostante le limitazioni, le restrizioni, le ferite e le incognite. Perché i nostri bambini ci chiedono in dono una festa, per avere il cuore ben nutrito e poter affrontare le loro battaglie future.

E se di restrizioni siamo stanchi e insofferenti, non imponiamocene di ulteriori e assurde: a chi non festeggia il Natale auguriamo con cuore puro e sincero di trovare gioia nella sua festa, qualunque essa sia. Purchè gli consenta di stare bene e di far stare bene le persone che ama.

Che nessuno si senta offeso se diciamo Natale, è per qualcuno, mai contro nessuno.

Che nessuno si senta offeso se diciamo “Buon Natale a tutti” senza asterischi…la comprensione e il rispetto non sono un tema di censura linguistica. Buon Natale a tutti vuol dire “un pensiero di amore a tutte le creature viventi, in qualsiasi forma vivano o si sentano di vivere oggi, che domani probabilmente sarà diversa ed è bene così.

E se ci toccherà di passare ancora un po’ di tempo in questo contemporaneo rifugio antiaereo, usiamo la nostra creatività non per limitare ma per generare…celebriamo l’immensa e continuamente cangiante bellezza del mondo, con nomi nuovi altrettanto belli e generosi.

Accanto a Natale, donna e uomo dobbiamo essere noi capaci di far fiorire parole degne di esprimere tutti i colori possibili, persino quelli ad oggi impensabili.

I cuori puri non hanno bisogno di censure e ci tirano fuori dalle guerre.

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e ne accetto termini e condizioni.

Comments are closed.

Close Search Window